Benvenuto oggi 17/04/2021 ore 10:34 - Ultima News del 08/10/2020: Presentazione corsi 2020 - 2021
Percorso: articoli / recensioni / Una vampata di mare !! - Port Frejus 2007
recensioni
Una vampata di mare !! - Port Frejus 2007
Apro la sacca dell'attrezzatura ed una "vampata di mare" mi stordisce il naso, scarico il trolley con i vestiti smessi e inizio a tirare l'acqua nella vasca da bagno per sciacquare l'attrezatura da sub. Dopo l'ammollo in acqua dolce e un bel risciacquao finale stenderò jacket, erogatori, mute,calzari,guanti e ammenicoli vari in ogni parte della casa sperando di poter riporre tutto al più presto...un anno fà non sapevo neanche cosa fosse "fare il sub" , oggi sono appena rientrato da 3 giorni passati in Francia sul barcone del diving a fare gli esami per prendere il mio primo brevetto ....
 
 
Così potrebbe essere stato il rientro di qualcuno di noi !!
E' lunedì sera e il lavare e stendere l'attrezzatura subacquea è un incombenza che per alcuni non è ancora nota !!
Questo splendido sport si porta dietro anche la manutenzione della nostra attrezzatura, in modo che l'efficienza del nostro equipaggiamento sia sempre testata, mantenuta e garantita da noi stessi!!
Il nostro week end lungo è iniziato con un bel viaggetto di 400 km, 5 ore di auto con amici o famigliari, l'appuntamento è per sabato pomeriggio per la prima immersione d'esame ....già l'esame..ma cosa sarà mai st'esame...non ci conoscono ancora abbastanza? perchè devo rifare gli esercizi al mare..li ho già fatti in piscina 100 volte !!
Già ma il mare è diverso..c'è il mal di mare per qualcuno e l'acqua salata per tutti !! il tuffo dal barcone, i gruppi che si trovano insieme sott'acqua e a volte ci si può confondere ... ma sopratutto c'è il mare ! ci sono i suoi abitanti...grandi quantità di pesci, di ogni forma e colore, coralli e gorgonie,animaletti che vivono in colonie e sembrano piante, alghe e ancora molluschi....
Una delle domande che più frequentemente viene fatta ad un subacqueo : Cosa hai visto sott'acqua ??  non rispondete mai : Niente ..perchè non è vero...semplicemente  non avete guardato con gli occhi di un bimbo !!
Alessandro

 

Per chi ancora non conosce le frasi celebri di Jacque Cousteau :
una domenica mattina del 1936, a Le Mourillon, nei pressi di Tolone, passeggiai nel Mediterraneo guardando attraverso gli occhiali subacquei di Fernez. Ero un artigliere della Marina da guerra, un buon nuotatore interessato solo a migliorare il mio stile nel crawl. Il mare non era che un ostacolo salato che mi bruciava gli occhi. Fui stupito dallo spettacolo che mi si offerse agli occhi nelle acque di Le Mourillon: rocce coperte di foreste verdi, brune e argentee di alghe e pesci, mai visti prima, che nuotavano nell'acqua cristallina. Alzando il capo per respirare, scorsi un filobus, della gente, i pali della luce elettrica. Immersi nuovamente la testa e la civiltà era di nuovo completamente scomparsa. Mi trovavo in una giungla che non era mai stata vista da quelli che navigavano sul suo tetto opaco.

Talvolta, anche se di rado, si ha la fortuna di accorgersi che nella nostra vita è subentrato un cambiamento, si abbandona la via vecchia, s'imbocca la nuova e si prosegue dritti per la nuova rotta. Mi accadde una cosa simile a Le Mourillon, quel giorno d'estate in cui i miei occhi si aprirono sul mare.

Jacques Yves Cousteau, 1936

 

index torna sopra stampa barra di navigazione
Valid XHTML 1.0 Transitional
116058